sabato 13 dicembre 2014

Dedicato a tutte le donne che amano il rossetto rosso




Inebriata dal profumo di cupcake alla vaniglia della mia yankee candle preferita stasera decido di dedicare questo articolo a tutte le donne che amano i rossetti rossi (non me ne vogliano le amanti dei nude).
Io amo i rossetti. Si li amo. I rossi sono tra i miei preferiti, ma non tutte le tonalità di rosso, alcune. Quelle con sottotono blu o sottotono neutro valorizzano al meglio il sorriso. I rossi aranciati mi piacciono un po' meno, li indosso a frequenza e devo pensarci un po' prima di decidermi ad utilizzarli. Di solito, dal cassettino in cui ripongo i miei rossetti, l'istinto sceglie le cromie accese, quelle che da sole bastano per illuminare e dare armonia al viso. I nudi li scelgo per alcune, poche, occasioni.
Ma torniamo ai nostri amati rossetti rossi. Tempo fa scrissi che il rossetto è l'accessorio femmina per eccellenza (qui), e lo confermo ancora oggi, è "il trucco", l'icona della femminilità. Non c'è donna che non ne possegga almeno uno. Mi capita spesso di soffermarmi sui colori che le donne scelgono per le loro labbra e mai come in questo periodo vince il colore natalizio per antonomasia. Lo vediamo ovunque: negli addobbi, negli accessori, nei cioccolatini, nelle unghie....Rouge rouge e ancora rouge! Rosso come il colore della vita, delle passioni, del benessere. Quando scegliamo qualcosa di rosso desideriamo entrare in simbiosi con questo colore, come a voler annunciare il nostro passaggio, a lasciare un ricordo, a strappare uno sguardo e un sorriso.

Nello scorso articolo mi sono soffermata sul colore di questa stagione, il sangria, anch'esso una sfumatura del nobile rosso. Solo un po' più sobrio e soft, meno squillante e più silenzioso. Il rossetto di cui vi parlo è di un rosso vivo, il Flamboyant di Chanel: una tonalità festosa, sonora, vibrante. Lo troviamo nella collezione che Chanel lancia per le festività natalizie di questo 2014, Plumes Precieiuses de Chanel.
La collezione prevede una palette occhi nei toni del grigio e dell'oro, un incarnato diafano con un prezioso illuminante in polvere, labbra e unghie in rosso. Quello di quest'anno è un rosso ricco, sembra contenere tutte le sfumature di questo splendido colore e non saprei definire il sottotono. A una prima occhiata sembrerebbe caldo, aranciato, nell'istante immediato è bandita qualsiasi assonanza con l'arancione a favore di una sfumatura che sembra non avere legami con nessun colore. Perdonate il ragionamento, forse un po' astratto, ma il Flamboyant di Chanel è un colore a se stante, di quelli che bastano a se stessi. La mano fine che l'ha ideato ha pensato bene di creare un rossetto che vive di vita propria. Un rosso unico nel suo genere, mai visto uno simile.


Il rouge allure velvet in Flamboyant costa 31,50 euro
I rossetti Chanel, nella versione Velvet, sono tra i miei preferiti. Hanno una formulazione particolare che valorizza l'intento primario di questa tipologia di rouge, e cioè una resa vellutata e mat che non si asciuga sulle labbra creando antiestetiche zone secche, piuttosto le rimpolpa e le rende davvero morbide. Bandito ogni luccichìo, le labbra assumono un aspetto corposo e denso, enfatizzate da colori saturi arricchiti da cere che fanno scivolare il rossetto sulle labbra senza appesantirle (ne avevo parlato qui e qui) con il bonus durata che è notevole. La bellezza di questi rossetti è data anche dalla praticità nell'applicazione: non occorre essere dei truccatori esperti per fare in modo che sia perfetto, basta applicarlo direttamente dallo stick e uniformarlo, poi, con un pennellino. La sua texture non lo fara' vagare oltre i bordi delle labbra né scivolare sui denti. Lasciamo che le labbra siano protagoniste: dopo averle esfoliate (con zucchero e miele ad esempio) e idratate, il rossetto le proteggerà dal freddo e ci regalerà una sferzata in più di energia. Se non abbiamo la possibilità di trovare un buon burro cacao  si può' sempre ricorrere all'olio Vea, la vitamina E aiuta molto in caso di secchezza labiale, olio che tamponeremo con una velina prima di procedere al trucco.

Per chi ama le labbra laccate un altro rossetto gloss che merita attenzione è il ColorStay Moisture Stain di Revlon. Ad un primo sguardo puo' ricordare il Rouge  pur Coture Vernis a Levres di Ysl (ne ho parlato qui)  ma con questo hanno in comune solo il pennellino di applicazione e il concept, ovvero una formula che ricorda la pienezza di un rossetto e, insieme, la leggerezza e brillantezza di un gloss.  Il costo è di 14,50 Euro: decisamente più basso rispetto ai cugini dei piani alti.
I cosmetici di questo marchio, pioniere del make up, erano andati un po' nel dimenticatoio per me (li compravo da ragazzina) preferendo i marchi più blasonati, più ruffiani esteticamente. Negli ultimi tempi ho notato un'ondata di vigore nelle linee cosmetiche e mi sono invogliata a comprare qualcosa, complici anche i video tutorial di sua maestà Lisa Eldrige che utilizza spesso il make up Revlon.
I Colorstay hanno una resa bellissima, i colori sono pieni e sulle labbra creano un effetto vinilico per niente appiccicoso che rinfresca immediatamente il sorriso. Hanno una formula idratante e molto piacevole da indossare, l'unica accortezza è quella di controllare i denti perché potrebbe depositarvisi un po' di prodotto. La forma particolare del pennellino consente di tracciare un contorno perfetto; con un velo di matita della stessa tonalità le labbra appaiono più complete e smaglianti e il rossetto dura un po' di più.



 
"Amo il rosso. Rosso come il cielo di certe sere, annunciatore del bel tempo che sta per arrivare".

Buon sorriso.
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento